Revista de Estudos Criminais

I Riflessi Processuali Della Politica Anti-Corruzione: Il Caso Italiano

Procedural consequences of the anti-corruption policy: the Italian case

Clelia Iasevoli

Riassunto:

Dall’ottica del processualpenalista, gli effetti della riforma anticorruzione si traducono nel ricorso a strumenti repressivi endofasici e nell’abuso di misure preventive di controllo emanate senza procedimento. Il problema è comprendere fin dove si possa spingere la politica della prevenzione e quali siano i confini invalicabili, che condizionano l’ambito operativo delle misure alle quali essa ricorre. L’analisi è volta ad evidenziare le antinomie rispetto ai diritti inviolabili e alla libertà dell’iniziativa economica privata, dal momento che queste prerogative caratterizzano lo stesso sistema democratico e, danno la misura della conformità del procedere medesimo alla Costituzione e alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Parole chiave: Corruzione; misure cautelari interdittive; misure preventive.;

Abstract:

The most perceptible effects that the anti-corruption reform produced on criminal trials are represented by the usage of repressive instruments in court as well as the abuse of preventive measures of control adopted without proceedings. If follows that it becomes necessary to understand what outcomes can be achieved by means of prevention policy and what limits are to be considered as impassable, affecting the scope of the measures of which the prevention policy makes use. This analysis is aimed at highlighting the situations in which there is a lacuna in the protection of the fundamental human rights and the freedom of private economic initiative, as these rights characterize democratic systems.

Keywords: Corruption;criminal proceedings;disqualifying measures;preventive measures;

v.12, n.56, p.09-42